LA FIORITURA DELLE CAMELIE
 (nota informativa)
  Isola Madre, Lago maggiore
  Dal 22 marzo al 13 aprile 2008

Una gran bellezza senza profumo:
è colpa degli amori extraconiugali di Venere

La camelia è un fiore meraviglioso ma privo di profumo, caratteristica forse non estranea all’oblio in cui, a fine Ottocento, sembrava condannata una specie prima di grandissima “moda”.

Così un sito specializzato ricostruisce il perché questa meraviglia della natura sia rimasta priva di una caratteristica, il profumo, che parrebbe non poterle spettare:

“C’è un’antica leggenda che spiega la ragione di questa strana caratteristica del fiore: un giorno il dio Vulcano sorprese la moglie Venere scambiarsi effusioni con Marte e colmo di tristezza, si sfogò con Cupido. Questi si adirò moltissimo con la madre, soprattutto perché aveva osato amoreggiare senza l’ausilio delle sue frecce.
Venere, estremamente offesa, decise di vendicarsi, nonostante Cupido fosse suo figlio e anche Dio dell’Amore. Ordinò quindi alle Grazie, ‘tate’ di Cupido, di non fargliela passare liscia e di frustarlo con rami di rose, affinché le spine gli lacerassero la pelle!
Tutti gli altri Dei rimasero sconvolti dalla crudeltà di Venere; ma a Flora venne un’idea…Ordinò a Zefiro di volare nel lontano Giappone e, una volta lì, di raccogliere i rami di una rara pianta dai fiori rossi simili a quelli della rosa, ma dal gambo totalmente privo di spine.
Al suo ritorno Zefiro consegnò alle Grazie le “fruste” innocue con cui punire il piccolo Cupido: il castigo fu quindi solamente formale, e Cupido non provò nessun dolore.
In compenso tutto l’Olimpo rimase estasiato dalla bellezza di quei fiori delicati e soprattutto dal loro profumo intensissimo, che paragonavano a quello dell’Ambrosia…
Venere però, scoprì presto l’inganno e stavolta decise di vendicarsi sulla pianta stessa: nonostante le suppliche della sua creatrice Flora, ordinò che venisse esiliata in un’isola sconosciuta e lontana e infine, con un incantesimo, le tolse lo splendido profumo”.

 

Si partecipa inviando mail con allegati alla casella:
     concorsocamelie@isoleborromee.it

 

Ufficio stampa:
Studio ESSECI – Sergio Campagnolo
Tel. 049.663499 info@studioesseci.net